Latest News

Type what you are searching for:

Registrati alla nostra Newsletter!

così da rimanere aggiornato/a su tutti i nostri Eventi ed News

Cliccando il pulsante Invia Accetti - I dati forniti con il seguente modulo saranno trattati nel rispetto del D.Lgs 196/2003.

MXGP del Trentino: gara dura per i piloti JK Racing ma hanno tenuto duro – JK RACING MX
5115
post-template-default,single,single-post,postid-5115,single-format-standard,qode-core-1.1.1,suprema-ver-1.6,qodef-smooth-scroll,qodef-preloading-effect,qodef-mimic-ajax,qodef-smooth-page-transitions,qodef-blog-installed,qodef-header-standard,qodef-sticky-header-on-scroll-up,qodef-default-mobile-header,qodef-sticky-up-mobile-header,qodef-dropdown-animate-height,qodef-fullscreen-search,qodef-search-fade,qodef-side-menu-slide-with-content,qodef-width-470,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

MXGP del Trentino: gara dura per i piloti JK Racing ma hanno tenuto duro

MXGP del Trentino: gara dura per i piloti JK Racing ma hanno tenuto duro

Pieve a Nievole (PT), 9 aprile 2019 – In un week-end caratterizzato dalle temperature bizzarre con pioggia, vento, sole e persino neve nelle vette circostanti ad alternarsi nel weekend, condizionando già dal primo giorno di prove l’esito dei risultati in pista. Appuntamento impegnativo per il Team I-Fly JK Yamaha Racing di Pieve a Nievole, impegnato già da venerdì nella ricerca del set-up ottimale delle tre Yamaha per adattarle al meglio alle temperature del Trentino.
I tre giovani alfieri della squadra corse di Pieve a Nievole, il finlandese Jere Haavisto (Yamaha), il francese Natanael Bres (Yamaha) e l’ungherese Adam Zsolt Kovacs (Yamaha), dopo i turni di qualifica siglano rispettivamente il 15°, il 37° e ancora un 15° assoluto che alla fine potevano essere migliori ma considerate le mutevoli condizioni climatiche e del terreno, aver portato a termine le gare non risulta poi così negativo.
Haavisto ha chiuso le due manche prima EMX250 con un buon 11° e poi 40° a causa di una caduta che ha compromesso la manche. Bres ha avuto le maggiori difficoltà ad adattarsi al terreno di Pietramurata e alla fine in classe mondiale MX2 ha raccolto soltanto un 37° e un 35°, toccando anche la ventesima posizione nella prima manche, ma senza continuità.
Infine Kovacs nell’europeo EMX125 si è dimostrato il più coriaceo e determinato, portando la sua Yamaha prima al 13° e poi al 17° posto nei due traguardi.
Un week-end di duro lavoro ma che ha dato risultati assolutamente migliorabili. Per questo il gruppo di Riccardo Boschi è già al lavoro per preparare al meglio i prossimi impegni nazionali e internazionali, in prospettiva della prossima tappa mondiale che sarà ancora l’Italia ad ospitare i prossimi 11 e 12 maggio a Mantova, una pista non certo facile con fondo sabbioso e dune veramente difficili.

Adam Zsolt Kovacs in Trentino

 

Jere Haavisto in azione in Trentin

 

Natanael Bres in gara in Trentino